Cose da vedere

10 serie tv da vedere a giugno

Il mese scorso avevamo osservato – un po’ sottovoce, perché nell’ultimo anno abbiamo imparato che non si sa mai – come il 2021 televisivo stesse iniziando a sbloccarsi dalla sua crisi dovuta alla pandemia, e le serie tv giugno lo confermano. Nelle prossime settimane ci sono infatti diverse uscite interessanti, alcune attese da tempo, altre invece arrivate più in sordina. Ce n’è per tutti i gusti: prodezze da supereroi, dramedy di rinascita personale, misteri da risolvere provenienti da angoli diversi di mondo, e tanti anni Ottanta. Poi, siccome questo mese ci sono anche un sacco di ritorni importanti, in fondo s’è aggiunta una lista delle serie tv che hanno scelto giugno 2021 per far uscire le loro seconde, terze, settime stagioni.

Le serie tv da tenere d’occhio a giugno 2021

It’s a Sin

1 giugno – Starzplay
5 episodi

Questa è una di quelle serie (miniserie, anzi) che hanno dovuto faticare parecchio per arrivare in tv. Si tratta della storia di alcuni ragazzi gay che vivono nella Londra degli anni Ottanta, dove l’entuasiasmo per la progressiva liberazione sessuale si scontra con le paure – personali e altrui – per l’epidemia di AIDS. L’idea di Russell T Davies (Queer as Folk, Years and Years) è stata rifiutata da diverse reti britanniche prima che Channel 4 decidesse di produrla, anche se in versione ridotta. Il timore era che il pubblico non fosse pronto al suo modo un po’ particolare di affrontare l’argomento: il sesso tra i protagonisti è esplicito e affatto patinato, mentre il primo diffondersi dell’AIDS viene vissuto con un misto di onnipotenza, smarrimento e un’ironia posizionata nei punti giusti per alleviare il dramma. Risultato: lauti apprezzamenti di pubblico e critica, con un aumento dei test per l’HIV tra i cittadini britannici.

Starzplay
Sweet Tooth

4 giugno – Netflix
8 episodi

Anche a giugno si conferma l’impressione che per il 2021 i servizi streaming stiano puntando parecchio sulle serie tv provenienti dai fumetti. La prima arriverà su Netflix, che ha deciso di adattare la serie scritta e disegnata dal fumettista canadese Jeff Lemire e pubblicata da DC Comics. La storia è ambientata in un mondo dove una pandemia ha portato alla nascita di una nuova specie di creature per metà umane e per metà animali, che sono tuttavia costrette a vivere nascoste dagli uomini. Tra di loro c’è anche Gus (Christian Convery), un ragazzino con tratti da cervo, che intraprende un viaggio avventuroso per l’America, alla ricerca di risposte sulle proprie origini. Lungo il percorso Gus stringe amicizia con Jepperd (Nonso Anozie), un omone un po’ burbero ma pronto a proteggerlo dalle insidie.

Loki

9 giugno – Disney Plus
6 episodi

La seconda serie tv di giugno con origini fumettistiche viene dalla Marvel ed è anche una delle uscite più attese del 2021. C’è infatti parecchia curiosità attorno al modo in cui Michael Waldron (Rick and Morty) ha ripreso e sviluppato la storia dell’antieroe Loki, il cosiddetto “dio dell’inganno” interpretato da Tom Hiddleston. Per farla brevissima, gli episodi saranno ambientati dopo gli eventi del film Avengers: Endgame (come le altre serie di Disney Plus che hanno avviato la Fase 4 del Marvel Cinematic Universe) e vedranno Loki alle prese con alcuni viaggi nel tempo per cambiare il corso della storia su commissione della misteriosa organizzazione Time Variance Authority (TVA). Per aiutarvi, comunque, c’è un video in cui Hiddleston riassume tutta la storia del suo personaggio in 30 secondi. Ultima postilla: Disney ha anticipato la data di uscita al 9 giugno, spostando così il giorno delle sue serie evento al mercoledì.

Omicidio a Easttown

9 giugno – Sky Atlantic HD e Now TV
7 episodi

Dopo The Undoing, ecco un’altra miniserie di HBO con attori importanti e un mistero da risolvere. Stavolta la protagonista è Kate Winslet, che interpreta Mare Sheeran, una poliziotta abbastanza ruvida che vive nella periferia di Philadelphia e ha l’incarico di indagare sull’omicidio di una giovane madre. Mare però non gode di molta credibilità da parte dei suoi concittadini, e in parallelo deve vedersela con una serie di problemi personali, incluso un divorzio, un figlio suicida e una nuora ex eroinomane che lotta per ottenere la custodia di suo figlio. La trama – creata da Brad Ingelsby e diretta da Craig Zobel – non sembra delle più originali. Ma la serie è stata molto seguita e apprezzata, soprattutto per le interpretazioni e la solidità del mistero attorno a cui ruota la storia.

The Gloaming

11 giugno – Disney Plus
8 episodi

In quanto a importanza, questa serie tv non è delle più nominate tra le uscite di giugno. Eppure in Australia – dove è stata creata e rilasciata nel 2020 – e negli Stati Uniti – dove è uscita qualche mese fa – ha ricevuto ottime recensioni. La storia è ambientata nei territori sconfinati e incontaminati dell’isola della Tasmania, dove una poliziotta dalla vita un po’ travagliata guida le indagini sull’omicidio di una donna, affiancata da un collega con cui non parla da vent’anni. I due scoprono presto che il caso è collegato a vecchi omicidi, vicende di corruzione politica e pratiche occulte legate alla cultura del posto. Le musiche che accompagnano gli episodi sono composte dalla nota cantautrice statucnitense Tori Amos.

Blindspotting

13 maggio – Starzplay
8 episodi

Nel 2018 gli attori Daveed Digg e Rafael Casal scrissero, produssero e interpretarono un film tragicomico su due migliori amici di Oakland, in California, che finivano nei guai dopo aver assistito a un crimine commesso da un agente di polizia. A tre anni di distanza, Digg e Casal ne hanno fatto una serie ambientata sei mesi dopo gli eventi del film. La trama riparte dall’arresto di uno dei due amici, per focalizzarsi sulla sua compagna, alla prese con una crisi esistenziale e con i tentativi di adattarsi alla nuova convivenza con la suocera. A interpretarla è l’attrice americana Jasmine Cephas Jones (Girls, Hamilton), che figura anche come produttrice della serie. Inisieme a lei c’è anche Helen Hunt.

Katla

17 giugno – Netflix
8 episodi

Questo thriller di fantascienza è ambientato nel territorio incontaminato che circonda Katla, un grosso vulcano subglaciale collocato nel sud dell’Islanda. Qui, dopo un anno di attività incessante, alcune persone credute disperse durante le eruzioni iniziano inspiegalmente a ricomparire. Gli episodi seguono i graduali tentativi di scoprire quali misteri soprannaturali si nascondano all’interno del vulcano. La serie è piuttosto attesa, soprattutto perché i suoi creatori – i registi Baltasar Kormákur and Sigurjón Kjartansson – sono gli stessi di Trapped (anche conosciuta come Ófærð, per chi volesse cimentarsi a pronunciarla), cioè la serie più costosa mai prodotta in Islanda e uno dei noir nordici più apprezzati degli ultimi anni.

Physical

18 giugno – Apple TV Plus
10 episodi

Rose Byrne interpreta Sheila Rubin, una casalinga che vive nella San Diego degli anni Ottanta, soffocata dalle ambizioni politiche del marito e dai problemi con la propria immagine. Questo dramedy ne segue il percorso di riscatto e riscoperta della sua autostima attraverso il mondo dell’aerobica. Partendo dai normali esercizi casalinghi, Sheila scopre infatti che la tecnologia delle videocassette può trasformare la sua nuova passione in un’attività molto redditizia. La serie è creata, scritta e prodotta da Annie Weisman (già produttrice di Desperate Housewives). I primi tre episodi – lunghi mezzora – saranno disponibili da subito, mentre i successivi usciranno una volta alla settimana.

Alfredino – Una storia italiana

21 e 28 giugno – Sky Cinema Uno e Now TV
4 episodi

La morte di Alfredo Rampi – il bambino di Vermicino, in provincia di Roma, che nel giugno del 1981 cadde in un pozzo artesiano – rappresenta un doppio punto di svolta nella storia italiana. Quello più negativo è che fu la prima vicenda di cronaca seguita per giorni in diretta tv, dando inizio alla morbosità e alla spettacolarizzazione televisiva del dolore nel nostro paese. Quello più positivo – se tale si più considerare – è che si trattò di un episodio decisivo per la nascita della Protezione Civile. A 40 anni esatti di distanza, Sky ne ripercorre la storia in due serate, con una miniserie diretta da Marco Pontecorvo e interpretata, tra gli altri, da Anna Foglietta, Francesco Acquaroli, Vinicio Marchioni, Giacomo Ferrara e Riccardo De Filippis.

Solos

25 giugno – Prime Video
7 episodi

Sette episodi, sette protagonisti, sette diverse storie di fantascienza. Il filo che le accomuna è la convinzione ottimistica che, non importa quanto siamo isolati, l’esperienza umana ci porta sempre a entrare in connessione con gli altri. Il cast è di quelli importanti: ci sono Morgan Freeman, Helen Mirren, Uzo Aduba, Dan Stevens, Constance Wu, Anna Hathaway, Anthony Mackie, Nicole Beharie. Il progetto è un po’ un ibrido tra Modern Love (altra serie antologica ed emozionale prodotta da Prime Video) e una Black Mirror al contrario, meno nichilista. Il problema è che le sue ambizioni non sono state finora confermate dall’accoglienza di pubblico e critica.

Le serie tv di ritorno a giugno 2021

Una lista velocissima, per chi aspettava questo momento:

Netflix
Summertime 2 (3 giugno), Feel Good 2 (4 giugno), Lupin (11 giugno, seconda parte), Élite 4 (18 giugno), Il regista nudo (24 giugno)

Disney Plus
Genius: Aretha (4 giugno), Solar Opposites 2 (11 giugno), Love, Victor 2 (18 giugno), Central Park 2 (25 giugno)

Apple TV Plus
Home Before Dark 2 (11 giugno)

Prime Video
Bosch 7 (25 giugno)

Sfondo copertina: starline/Freepik

Leggi anche

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.