Disney Plus sta andando fortissimo

disneyplus.com (screenshot)

Il 12 novembre 2019 Disney inaugurava la sua piattaforma streaming Disney Plus negli Stati Uniti, Canada e Paesi Bassi. L’obiettivo iniziale era raggiungere tra i 60 e i 90 milioni di utenti paganti in tutto il mondo entro il 2024.

A un anno esatto di distanza, Disney Plus ne conta già oltre 73,7 milioni.

Il gruppo Walt Disney Company ha infatti rilasciato il report del suo ultimo quarto di anno, che mostra come il servizio streaming abbia ampiamente superato le aspettative e gli obiettivi che si era prefissato al momento del suo lancio.

In questi 12 mesi la piattaforma è arrivata in quasi 30 paesi, raccogliendo un numero sempre crescente di abbonati. Già solo rispetto ai dati del quarto precedente si nota quello che i giornali hanno definito un “balzo”: ad agosto Disney Plus aveva dichiarato 60,5 milioni di utenti paganti; fino al 3 ottobre ne ha ottenuti 13,2 milioni in più.

Tuttavia il periodo più proficuo – come accaduto per altri servizi streaming – è stato quello della prima ondata della pandemia di coronavirus. Tra marzo e giugno Disney Plus ha guadagnato 24 milioni di nuovi utenti paganti. Questo risultato ne fa un punto di riferimento importante e sempre più solido per Disney. Soprattutto se si considera che la multinazionale ha dovuto far fronte alla chiusura dei suoi parchi divertimento e dei cinema. A tal proposito, il CEO di Disney Bob Chapek ha detto che Disney+ “è la chiave del futuro del nostro gruppo”.

Disney+ Q4 ernings 2020 abbonati

La forza di Disney Plus è il suo catalogo, in particolare i film e le serie tv già usciti da tempo. Oltre ai classici Disney (di animazione e non), la piattaforma comprende i contenuti Pixar, Marvel, National Geographic e Star Wars. Tutti prodotti cioè che hanno una fortissima attrattiva nei confronti del pubblico. Per fare un esempio, Disney Plus è l’unica piattaforma streaming ad avere i diritti di tutte le stagioni dei Simpson: una delle serie tv in base alle quali – secondo una ricerca di Variety – le persone scelgono a quale piattaforma abbonarsi.

A ciò si aggiungono poi le produzioni originali che Disney Plus ha rilasciato nel corso dell’anno o ha in programma di rilasciare. Tra queste ci sono The Mandalorian, la serie tv ambientata nell’universo di Star Wars, il famoso musical Hamilton e alcuni film che sarebbero dovuti uscire nei cinema, come Mulan. Nei prossimi mesi usciranno poi il film Soul (prodotto da Pixar e programmato per il 25 dicembre) e la serie Marvel Wanda Vision (15 gennaio). Infine nel corso del 2021 saranno rilasciati altri contenuti legati all’universo di Star Wars.

Alcuni analisti hanno stimato che entro il 2025 Disney Plus potrebbe raggiungere tra i 160 e i 230 milioni di utenti paganti in tutto il mondo. Finora comunque la sua crescita è stata la più impressionante nel mercato dei servizi streaming, se si considerano i tempi brevi in cui è avvenuta.

Al momento Disney Plus è il secondo servizio streaming al mondo per numero di utenti paganti. Prima c’è solo Netflix, che conta 195 milioni di abbonati, cioè quasi il triplo dei 73,7 milioni di Disney Plus. La differenza, però, è che Netflix è disponibile in molti più paesi (190, per la precisione) e per raggiungere questo risultato ha impiegato una decina di anni.

Leggi anche

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.